Settimana dal 9 Luglio

L'indice italiano
Rispondi
Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Settimana dal 9 Luglio

Messaggio da BrunoN » sab lug 07, 2018 7:37 am

Settimana particolare: per la terza volta nel giro di pochi giorni è stato tentato l'attacco dei 21000 e, come per le altre volte, i prezzi hanno reagito riportandosi in area 21800.
Vediamo dunque come si sono mossi in questo stretto range gli operatori del mercato delle opzioni.
Sulla scadenza Luglio hanno approfittato del rimbalzo per chiudere put 20.000 ed aprire call a strike 22000.
Sulla scadenza agosto hanno aperto esclusivamente una colonna di call a strike 22000 tralasciando ai retails gli altri strike.
Su settembre, a parte l'assembramento di qualche centinaio di contratti di put e call tra 22000 e 23000, assistiamo alla chiusura in blocco di 569 call a strike 24000.
Il mercato è comunque in una area di completa indifferenza dove call e put non rappresentano che il 20/25% di posizioni a mercato. Anche il future è sempre stato veramente poco mosso ed i volumi sono stati sempre in mano ai day trader che hanno aperto e chiuso i contratti in giornata.
​Solo movimenti sopra 22000 e sotto 21000 farebbero scattare operazioni di ricopertura e quindi oscillazioni di prezzo di una certa ampiezza.
https://swindletrading.weebly.com/analisi-operativa
6luglio.JPG
6luglio.JPG (96.75 KiB) Visto 964 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Settimana dal 9 Luglio

Messaggio da BrunoN » sab lug 07, 2018 8:53 am

Questi i livelli di intervento ancora validi.

Sui livelli di resistenza si opera in acquisto di delta assumendo una posizione iniziale neutrale e si utilizza il future controtrend per neutralizzare il delta.
All'interno dei livelli gialli si opera solo intraday su supporti e resistenze utilizzando future e/o opzioni.
Sui livelli di supporto si opera vendendo vega e si entra in tendenza con i futures.
FIB IL.JPG
FIB IL.JPG (77.59 KiB) Visto 963 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Settimana dal 9 Luglio

Messaggio da BrunoN » sab lug 07, 2018 2:46 pm

Per interpretare ed utilizzare al meglio la tabella postata sopra con i livelli è importante leggere e comprendere alla perfezione quanto spiegato qua di seguito.
Per approfondimenti: https://swindletrading.weebly.com/

TIPOLOGIE DI MERCATO
Fondamentalmente esistono tre tipologie di mercati:
LATERALE
RIBASSISTA
RIALZISTA
Il mercato LATERALE si contraddistingue da prezzi in trading range, supporti e resistenze e volatilità costante.
Il mercato RIBASSISTA si contraddistingue da forti oscillazioni di prezzo e rottura dei supporti con importante aumento di volatilità.
Il mercato RIALZISTA si contraddistingue da oscillazioni di prezzo e rottura delle resistenze con costante diminuzione di volatilità.
Un esempio pertinente è la gaussiana del metodo montecarlo:
1) Lateralità si ha all'interno della campana
2) Tendenza ribassista si ha all'estremo sinistro della campana
3) Tendenza rialzista si ha all'estremo destro della campana
gauss.JPG
gauss.JPG (47.83 KiB) Visto 961 volte
SPIEGAZIONE
Un mercato LATERALE è una manna per i Day Trader che longano i supporti e shortano le resistenze.
E' anche favorevole ai venditori di opzioni che statisticamente si ritrovano ad avere a che fare con un mercato che per circa il 70% del tempo rimane fermo. Le code grasse hanno premi nella norma.
Il problema si pone quando questo genere di mercato rompe i supporti e rompe le resistenze ovvero prende un trend rialzista o ribassista. I traders in futures possono chiudere le posizioni utilizzando il più classico degli strumenti di copertura, lo stop loss, gli opzionisti venditori o chiudono le posizioni in perdita rollandole nel tempo e nello spazio e subendo il delta ed il vega contrario entrano a copertura con il sottostante effettuando operazioni di hedging che il più delle volte sono costi che azzerano i guadagnai.

Un mercato in trend RIBASSISTA si caratterizza invece da forti escursione dei prezzi e rotture dei supporti e conseguente aumento di volatilità storica e sopratutto da grandi aumenti di volatilità implicita dovuti al maggior costo richiesto per le opzioni otm, sopratutto Put ma anche Call. Le code grasse hanno premi alti.
Un mercato in trend RIALZISTA si caratterizza da rotture delle resistenze, aumento di volatilità storica e diminuzione di volatilità implicita su tutta la chain delle opzioni, sopratutto sul lato Put ma anche sul lato Call. Le code grasse hanno premi bassi.
Lo skew di volatilità delle opzioni è l'esempio perfetto di come si caratterizza la volatilità sia sul lato put che sul lato call, sia otm che atm o itm.
gauss.JPG
gauss.JPG (47.83 KiB) Visto 961 volte
GLI STRUMENTI PER RICONOSCERE E TRADARE I MERCATI
E' importante saper riconoscere in quale delle tre fasi di mercato ci troviamo in modo da sapere quali strumenti utilizzare e quali precauzioni prendere.
La prima cosa che dobbiamo conoscere è la funzione di ripartizione degli open interest delle opzioni. Tale grafico ci permette di sapere, come una bussola per il marinaio, che tipo di mercato possiamo aspettarci.
Le due linee che si incrociano sulla funzione di ripartizione rappresenta le Put e le Call presenti sul mercato.
Il Crossover, ovvero l'incrocio delle due linee, rappresenta la zona di indifferenza del mercato che, normalmente si estende dal suo centro al 40% sul lato Put e 40% sul lato Call.
L'intervallo di prezzo che intercorre tra il 45% di Put ed il 45% di Call è l'area dove normalmente il mercato ha il suo trading range, dove i supporti supportano e le resistenze resistono.
Tra il 40% e l'80% della funzione di ripartizione, sia sul lato put che sul lato call, assistiamo alle cosidette accelerazioni in Trend del mercato dove i supporti e le resistenze vengono inevitabilmente rotti per effetto delle ricoperture e degli stop degli operatori e le movimentazioni in hedging degli opzionisti.
rip.JPG
rip.JPG (55.74 KiB) Visto 961 volte
QUALE OPERATIVITA' SCEGLIERE IN BASE AL POSIZIONAMENTO DEI PREZZI
Un mercato in trading range lo si trada con i futures longando i supporti e shortando le resistenze, mettendo degli stop loss grafici molto stretti.
Anche con le opzioni si può tradare un mercato in range, costruendoci figure sopra lo zero come butterfly o iron condor.
Difficilissimo è ottenere guadagni comprando le opzioni, vuoi per l'inevitabile perdita di valore temporale che per il normale calo di volatilità, i prezzi che si vanno a realizzare, anche se indoviniamo la direzione, non ripagano quasi mai del rischio corso.
Sconsiglio comunque questo genere di operatività con le opzioni nei mercati in trading range.
Preferisco utilizzare strutture semplici come i futures e movimentazione quasi sempre intraday.
Un mercato rialzista che rompe invece il 40% delle Call sulla funzione di ripartizione mi prepara invece per una operativita in opzioni che riesce spesso a dare bei risultati per il basso rischio corso.
E' una operatività per la quale occorre pazienza, metodo e timing chirurgici. Importante è visualizzare sulla ripartizione a che prezzo corrisponde il 70% delle Call.
Quello è il nostro livello approssimativo di ingresso, ovvero quando i prezzi arrivano a toccare quel vero e proprio eccesso di mercato si inizia a comprare uno strangle, uno strip o uno strap di put e call otm. Non si vende assolutamente niente perchè la volatilità implicita è ai minimi termini ed i prezzi non ci danno alcun vantaggio. Si compra e basta e si attende il movimento che di lì a pochi giorni non tarderà a verificarsi.
Un mercato ribassista che rompe il 40% delle Put e si dirige al famoso 70% della funzione di ripartizione è un mercato dove è vietato comprare opzioni poiché i prezzi, sia delle put che delle call sono troppo alti in quanto nei ribassi aumenta sempre la volatilità implicita.
In questa situazione la miglior cosa è attendere che i prezzi si avvicinino al 70% della funzione di ripartizione e si vendono strangle di put e call con delta 0,3. Saremmo quasi sicuri di aver venduto su un eccesso di vega che ci verrà restituito di lì a pochi giorni, qualsiasi sia il movimento in delta del mercato.
Allegati
skew.JPG
skew.JPG (31.18 KiB) Visto 961 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Settimana dal 9 Luglio

Messaggio da BrunoN » mar lug 10, 2018 9:28 am

Niente da segnalare per quanto riguarda il fronte degli open interest delle opzioni. Ieri sono state lavorate le call 22000 sulla scadenza luglio creando un aumento di open interest su questo strike di 512 contratti: superficialmente potremmo considerarlo come un livello di resistenza statico per il nostro indice.
Di contro su settembre sono aumentate le put,, 249 contratti, sempre sul medesimo strike 22000.
Sul fronte future lieve aumento dell'open interest di circa 197 contratti che, sempre in modo superficiale potremmo sintetizzarle come copertura dell'open interest delle call 22000.
Sono comunque numeri piccoli che, per il momento, ci confermano solo l'estrema neutralità del mercato rispetto ai prezzi.
9luglio.JPG
9luglio.JPG (99.33 KiB) Visto 944 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Rispondi