Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

L'indice italiano
Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » mar mar 20, 2018 8:35 am

Anche sulla prossima scadenza trimestrale di giugno la movimentazione è simile: chiusura di put a strike 19000 ed apertura di nuove posizioni, 577 e 752, su strike 23000 e 24500.

Livelli intraday:

22400

21900
Allegati
1521531330-19giugno.jpg
1521531330-19giugno.jpg (60.48 KiB) Visto 1430 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » mer mar 21, 2018 7:18 am

Buongiorno, analisi della giornata del 20 marzo.

Volumi di contrattazione in lieve flessione rispetto alle giornate precedente, passati da 25414 a 23462, ma Open interest del future ancora in aumento di un migliaio di contratti, da 40212 a 41113. Da ricordare sempre la regola che prezzi ed open interest crescenti confermano il trend in atto.

Per quanto riguarda invece lo specialistico mercato delle opzioni si assiste, sia nella scadenza Aprile che in quella trimestrale di Giugno, alla poca movimentazioni sia dal punto di vista volumetrico che dal punto di vista dei contratti tolti o aggiunti al mercato.

Sul lato Put c'è stata la maggior movimentazione sopratutto sugli strike otm, utili per sostenere gli ingressi di open interest del future.

E' chiaro che è un mercato in attesa di notizie e che deve dare conferme più precise agli operatori per poter prendere posizioni a mercato.

I livelli per oggi si collocano relativamente più in alto rispetto al giorno precedente:

22050

22440


Scadenza Aprile
1521613128-20aprile.jpg
1521613128-20aprile.jpg (49.22 KiB) Visto 1430 volte
Scadenza Giugno
1521613149-20giugno.jpg
1521613149-20giugno.jpg (57.61 KiB) Visto 1430 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » mer mar 21, 2018 8:24 am

Controlliamo pure la volatilità storica e confrontiamola con la volatilià implicita calcolata sui prezzi delle opzioni otm:

Volatilità a 30 giorni: Storica 20,05 - Implicita 16,78

Volatilità a 60 giorni: Storica 17,87 - Implicita 17,96

Volatilità a 90 giorni: Storica 16,12 - Implicita 20,96



Come è ben chiaro sulla scadenza 30 giorni la volatilità storica è maggiore della implicita, ovvero: la implicita prezza un minor rischio rispetto all'effettiva storica.

Viceversa sulla scadenza a 90 giorni il rischio prezzato dalla implicita è superiore alla effettiva storica.
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » mer mar 21, 2018 8:46 am

Il controllo sulle volatilità, storica ed implicita, serve a capire cosa sta scontando o deve scontare un mercato.

Prendiamo ad esempio la volatilità implicita a 30 gg e confrontiamone l'effetto sui prezzi a scadenza con la omologa volatilità storica a 30 gg.

La volatilità implicita calcolata sui prezzi otm delle opzioni ci riporta uno scostamento di 2578 punti, tra 21071 e 23649.

Di contro la volatilità storica a 30 gg calcolata sui prezzi indice ci riporta uno scostamento di 3162 , tra 20824 e 23896.
Allegati
1521618368-IMPLICITAVSSTORICA.jpg
1521618368-IMPLICITAVSSTORICA.jpg (160.1 KiB) Visto 1430 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
axel73
Admin
Admin
Messaggi: 61
Iscritto il: ven mar 23, 2018 10:49 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da axel73 » mer mar 21, 2018 9:46 am

Buongiorno Bruno.

Interessante il confronto tra vola storica ed implicita.

Mi domandavo se possa essere significativo un confronto grafico sul passato per verificare quanto la previsione fatta dalla IV si sia poi effettivamente realizzata nella HV.

(intendo dire in parole povere se possa essere interessante confrontare la IV di 30 gg fa con la HV realizzatasi oggi).

Hai mai fatto questo tipo di verifica o la ritieni poco utile?

Grazie,

Luca

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » mer mar 21, 2018 4:41 pm

axel73 ha scritto:
mer mar 21, 2018 9:46 am
Buongiorno Bruno.

Interessante il confronto tra vola storica ed implicita.

Mi domandavo se possa essere significativo un confronto grafico sul passato per verificare quanto la previsione fatta dalla IV si sia poi effettivamente realizzata nella HV.

(intendo dire in parole povere se possa essere interessante confrontare la IV di 30 gg fa con la HV realizzatasi oggi).

Hai mai fatto questo tipo di verifica o la ritieni poco utile?

Grazie,

Luca
Buongiorno Luca,

il confronto fra le volatilità, storica ed implicita, mi serve essenzialmente per sapere se, cosa e quando devo vendere/comprare.

Al momento il mercato, teoricamente, è da vendere sulla scadenza breve a 30 gg. poichè i movimenti prezzati sono minori dei movimenti storicamente avvenuti e quindi il mercato delle opzioni ha già scontato i movimenti.

Non è ancora conveniente avvicinarsi alle scadenze a 60gg. in quanto i due valori, implicito e storico, coincidono.

Probabilmente sulle scadenza a 90gg. si stanno prezzando movimenti futuri che la volatilità storica non ha ancora prezzato e quindi, sempre ipoteticamente, è da comprare.

I livelli da vendere sono quelli postati in rosso, esterni ai livelli del trading range. Ovviamente le posizioni vendute vanno monitorate continuamente e chiuse semplicemente quando verranno toccati i livelli gialli e invertite le figure, da strangle venduto a stangle comprato, quando i prezzi si avvicinano ad uno dei livelli rossi.

Questo è quello che prezza il mercato.
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » gio mar 22, 2018 8:00 am

Consueta analisi delle volatilità, dei volumi e degli open interest di queste strane giornate di borsa.

Sulla scadenza aprile si assiste al posizionamento netto di put e call a strike 19500, molto otm per le put e molto itm per le call, conseguentemente si assiste ad un aumento di open interest del future che passa da 41113 a 42328 facendo segnare un + 1215 contratti rimasti a mercato a fronte di una movimentazione volumetrica nella norma e che si attesta a 23533 contratti scambiati nella giornata di ieri.

Su giugno invece si assiste al posizionamento sulle put 21000 e 21500 e dei timidi ingressi sul lato call sopra lo strike 23000 fino ad arrivare a 24000.

Ne esce fuori una strategia del mercato delle opzioni lateral rialzista: aumento di open interest del future, aumento di open interest delle put su strike otm e ingresso speculativo di call 19500 sulla scadenza aprile fanno propendere per una salita dei prezzi.

La volatilità implicita a 30 gg è ancora in calo e si attesta a 16,72 mentre è in aumento la volatilità a 60 gg che sale 18,30.

Di contro la volatilità storica del ftsemib è scesa a quota 18,07 mentre sta salendo la storica a 60 e 90 gg, rispettivamente a 18,2 e 16.3.

Questa è una buona indicazione per evitare di essere venditori sulle scadenze lunghe ma preferire scadenze brevi che hanno avuto un picco a 21 dopo molto tempo che erano addirittura rimaste più basse di rispetto alle scadenze lunghe.

I livelli per oggi rimangono simili a quelli di ieri:

22450

22370

22180

22050
1521702026-21aprile.jpg
1521702026-21aprile.jpg (53.73 KiB) Visto 1430 volte
1521702049-21giugno.jpg
1521702049-21giugno.jpg (66.12 KiB) Visto 1430 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da BrunoN » ven mar 23, 2018 9:25 am

Buongiorno, nonostante il forte ribasso di ieri 22 marzo gli open interest del future sono rimasti più o meno invariati con un aumento di poco più di un centinaio di contratti. Di contro i volumi invece sono raddoppiati passando da 23000 a più di 42000, il fatto che questi volumi non si sono concretizzati in open interest ci riporta ad un mercato in mano ancora ai day trader, ovvero coloro che aprono e chiudono i contratti in giornata.

Vedremo nel prosieguo se si è trattato di un semplice scivolone oppure se sta per partire un movimento di trend: solo un forte aumento di open interest del future in prossimità di colonne di put darà credibilità al movimento.

Sul lato opzioni invece notiamo come gli operatori hanno chiuso qualche put a strike 22000 ma ne abbiamo riaperte sia a strike 21500 che 22500 ignorando di fatto il lato call dove invece si assiste alla chiusura di qualche contratto a strike 24000.

Il posizionamento totale su questa scadenza è rimasto pressochè invariato.

Su giugno invece la movimentazione è avvenuta prevalentemente sul lato call con aumento di open interest a 23000 fino a 24500.

Differenziale Aprile
1521878816-22aprile.jpg
1521878816-22aprile.jpg (58.71 KiB) Visto 1428 volte
Differenziale Giugno
1521878949-22giugno.jpg
1521878949-22giugno.jpg (57.13 KiB) Visto 1428 volte

Totali Aprile
1521793595-totali-aprile.jpg
1521793595-totali-aprile.jpg (79.1 KiB) Visto 1427 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
axel73
Admin
Admin
Messaggi: 61
Iscritto il: ven mar 23, 2018 10:49 am

Re: Posizionamento Open Interest e Livelli Operativi Aprile

Messaggio da axel73 » gio mar 29, 2018 5:25 pm

brunon ha scritto:
mer mar 21, 2018 4:41 pm


Buongiorno Luca,

il confronto fra le volatilità, storica ed implicita, mi serve essenzialmente per sapere se, cosa e quando devo vendere/comprare.

Al momento il mercato, teoricamente, è da vendere sulla scadenza breve a 30 gg. poichè i movimenti prezzati sono minori dei movimenti storicamente avvenuti e quindi il mercato delle opzioni ha già scontato i movimenti.

Non è ancora conveniente avvicinarsi alle scadenze a 60gg. in quanto i due valori, implicito e storico, coincidono.

Probabilmente sulle scadenza a 90gg. si stanno prezzando movimenti futuri che la volatilità storica non ha ancora prezzato e quindi, sempre ipoteticamente, è da comprare.

I livelli da vendere sono quelli postati in rosso, esterni ai livelli del trading range. Ovviamente le posizioni vendute vanno monitorate continuamente e chiuse semplicemente quando verranno toccati i livelli gialli e invertite le figure, da strangle venduto a stangle comprato, quando i prezzi si avvicinano ad uno dei livelli rossi.

Questo è quello che prezza il mercato.
Grazie!!

Rispondi