ANALISI OPERATIVA

L'indice italiano
Rispondi
Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » dom mag 20, 2018 8:29 am

Dopo questi primi 5 mesi di operatività del 2018 è arrivato il momento di fare il punto della situazione.
Chi ha seguito il metodo si ricorderà senz'altro che la nostra operatività si basa su pochi ma precisi e ben individuabili punti fissi.
Nel post del 26 Gennaio https://swindletrading.weebly.com/livel ... resse.html ,dopo i forti movimenti del mercato, avevamo individuato e segnalato alcuni livelli di interesse tramite un algoritmo che si basa su aree di prezzo supportate da presenza di open interest di opzioni put o call.
Una volta individuati i livelli bisogna solo attendere che i prezzi arrivino a toccarli ed a quel punto è obbligatorio monitorare la situazione degli open interest del future, le aree di volumi e le opzioni.
Un aumento di open interest del future su questi livelli di prezzo con aumento di volumi e movimentazione di opzioni è di per sè condizione necessaria e sufficiente per riuscire a prevedere forti movimenti direzionali del mercato.
Operativamente si utilizzano solo strategie comprate, long strangle e long straddle. Ssu questi livelli ed è assolutamente sconsigliata la vendita di opzioni. si entra a debito per poi chiudere a credito.
​Il movimento atteso, sui livelli esterni è di almeno 1500 punti, sui livelli intermedi di almeno 750 punti e la posizione va gestita con future e minifuture.
Nell'immagine l'individuazione grafica ed i successivi movimenti dei prezzi una volta toccati i livelli di interesse.
CHART LIVELLI.JPG
CHART LIVELLI.JPG (293.82 KiB) Visto 1599 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » dom mag 20, 2018 9:01 am

20 Maggio - Movimentazione Open Interest

Messe in soffitta le scadenze Maggio passiamo ad analizzare le due scadenze trimestrali più importanti: Giugno e Settembre.

Partiamo subito con la panoramica globale del posizionamento totale degli operatori.
Su Giugno si vede ad occhio nudo come le put la facciano da padrone, addirittura 11mila pezzi su strike 22500. Poche call concentrate in tre strike 23000 - 24000 - 25000.
Su Settembre invece è l'esatto contrario, è un mercato dominato quasi esclusivamente dalle call sui soliti tre strike 23000 - 24000 - 25000 con quantità veramente importanti.
In parole povere gli operatori, sulla scadenza lunga, hanno lasciato aperta la porta al rischio ribasso.
totali GIUSETT.JPG
totali GIUSETT.JPG (105.96 KiB) Visto 1607 volte
Passando ad analizzare esclusivamente la movimentazione della settimana passata, dal 14 al 18 maggio, troviamo la conferma di come gli operatori stiano prezzando maggior rischio ribasso sulla scadenza Settembre, avendo movimentato su Giugno consistenti quantità di opzioni Put e su Settembre consistenze quantità di opzioni Call.
14 18 giusett.JPG
14 18 giusett.JPG (104.55 KiB) Visto 1607 volte
Osserviamo invece nello specifico la sola giornata del 18 maggio che coincideva con le chiusure tecniche ed i conseguenti rollaggi sulle scadenze successive.
In entrambe le scadenze, a farla da padrone sono state le Put, sia in uscita sullo strike 21000 della scadenza Giugno, sia in entrata sullo strke 20000 sulla scadenza Settembre.
A tutto questo però va aggiunta la mostruosa movimentazione degli open interest del future che negli ultimi tre giorni, a fronte di altissimi volumi di contrattazione, quasi 140mila, ha toccato il proprio massimo assoluto nella giornata di venerdì fermando il loro numero alla iperbolica cifra di 80663 contratti rimasti aperti sul mercato.
E' palese che, con tutta questa benzina, mi aspetto accelerazioni veramente importanti sui prezzi, sia al rialzo che al ribasso, nonostante che gli operatori siano riusciti a riportare i prezzi all'interno delle cosiddette aree di indifferenza rappresentate dalla funzione di ripartizione.
Da visualizzare anche il grafico con riportati, all'interno delle candele, i numeri dei contratti, open interest, rimasti a mercato a fronte della movimentazione effettiva dei prezzi.
Di seguito gli importanti grafici che servono per contestualizzare una situazione molto delicata visto che le aspettative di chi è a mercato, a prescidere dalla composizione del portafoglio, sono assolutamente opposte l'una all'altra.

ripartzione giusett.JPG
ripartzione giusett.JPG (127.4 KiB) Visto 1607 volte
oif.JPG
oif.JPG (31.34 KiB) Visto 1607 volte
daily.JPG
daily.JPG (235.63 KiB) Visto 1607 volte
18giusett.JPG
18giusett.JPG (103.8 KiB) Visto 1607 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » mar mag 22, 2018 8:07 am

22 Maggio.

La giornata di lunedì 21 maggio sia a livello di prezzi che a livello di volumi ed open interest ci lascia con un nulla di fatto.
Apertura a 23070, massimo a 23420, minimo a 22940 e chiusura a 23070.
Per quanto riguarda gli open interest del future c'è da segnalare il primo giorno di flessione, da 80669 a 79802. Niente di che visto che ancora i numeri assoluti risultano essere particolarmente elevati.
La movimentazione delle opzioni sulle varie scadenza è stata pressochè nulla se non la chiusura, solo sulla scadenza Giugno, di 2130 contratti Put a strike 21000 e apertura di 1760 contratti Call a strike 23500/24000.
Ricordo nuovamente che gli operatori sono riusciti a riportare il rapporto prezzi future e opzioni per strike all'interno della funzione di ripartizione che evidenzia come il crossover fra pur e call si trova al livello di 23000 e rappresenta "solo" il 30% di put e call che sono diventate ITM.
Attenzione va rivolta alla inclinazione particolarmente ripida, sia per le put che per le call, delle linee della ripartizione. Infatti bastano solo 500 punti, 22500 o 23500, che le opzioni, o put o call, diventano ITM per il 42% del loro totale. A questi livelli assisteremo probabilmente a forti accelerazioni dei prezzi.
Allegati
totali giugno.JPG
totali giugno.JPG (136.25 KiB) Visto 1583 volte
21maggio.JPG
21maggio.JPG (61.03 KiB) Visto 1583 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » mer mag 23, 2018 7:38 am

23 Maggio.

Veramente ben poco da segnalare. Situazione di attesa.
Mercato delle opzioni rientrato all'interno della ripartizione dove vengono minimizzate le posizioni Itm.
Open Interest del future in sensibile calo da ormai tre giorni di almeno 5000 contratti ma comunque con numeri, 75768 contratti a mercato, sempre piuttosto importanti.
Cumulato delle opzioni sulla scadenza Giugno con area 23000 dove insiste un sostanziale equilibrio fra put e call, 8782 Put e 7809 Call. Strike 22500 dove insistono la bellezza di 12364 open interest di put: sarà questa l'area che se toccata farà partire un movimento in trend?
​Le immagini parlano da sole:
22maggio.JPG
22maggio.JPG (105.85 KiB) Visto 1576 volte
totali giugno.JPG
totali giugno.JPG (136.25 KiB) Visto 1576 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » gio mag 24, 2018 8:09 am

La giornata del 23 maggio è terminata con un ribasso del 1,29% . Dopo aver battuto il minimo a 22740 i prezzi si sono riportati in chiusura a 22940.
Dopo un movimento del genere, supportato da 47705 volumi di contrattazione, mi aspettavo anche un sensibile movimento degli open interest del future. In realtà sono rimasti sullo stesso numero di 75516 contratti di ieri, chiaro segnale che ancora gli operatori, sia chi compra e sia chi vende, sono rimasti dentro al mercato con le stesse contrapposte aspettative, chi in vendita e chi in acquisto. Attualmente l'unica movimentazione degna di nota ce la fornisce il mercato delle opzioni.
Sulla scadenza Giugno grandi movimenti sulle call 23500 e 25000 con apertura di più di 2600 contratti. Stessa cosa sul lato put dove gli open interes sono aumentati sullo strike 20500 di circa 1104 contratti.
Sulla scadenza Luglio invece si assiste ad una timida chiusura di put a strike 23000 ed aoertura di più di 2000 nuovi contratti tra 21000 e 20000.
Su Settembre invece gli operatori si sono concentrati sulle Call 24000 entrando con 1599 nuovi contratti e sulle put 21500 e 21000 con circa 1000 contratti.
Dopo un mese che il mercato lavorava solo strike atm movimentando di conseguenza il future a copertura, finalmente si riesce a vedere qualche ingresso di opzioni sugli strike otm, quelli che ci servono per definire il terreno di battaglia degli operatori.
Possiamo quindi definire i seguenti livelli determinati dall'ingresso di denaro: Down lato put 22500 - 22000 e Up lato call 24000 - 25000. Anche un lancio Montecarlo conferma che i prezzi, dovrebbero rimanere all'interno della deviazione standard, tra 22000 e 24000, con il 70% di probabilità fino alla scadenza prossima.
E' comunque un mercato da prendere veramente con le molle, mai visti così tanti open interest sul future, e questo potrebbe dare luogo a movimenti rapidi e profondi, da una parte all'altra dei prezzi.

Non si caricano le immagini che potete vedere qua: https://swindletrading.weebly.com/anali ... /24-maggio
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » ven mag 25, 2018 7:50 am

La giornata di ieri è stata caratterizzata da un'apertura sui massimi ed una chiusura sui minimi.
Graficamente la distribuzione dei 40mila volumi scambiati ha assunto una sorta di forma platicurtica bimodale: due le aree interessate, 22980 e 22770.
C'è da far notare che tutte questa movimentazione estesa in un range di prezzi di circa 500 punti, è servita principalmente per chiudere contratti a mercato, ovvero l'open interest, dai suoi massimi di circa 80mila, è adesso sceso circa 72mila contratti. La flessione dell'open interest è avvenuta in concomitanza della discesa dei prezzi ed al loro rientro all'interno della gaussiana della ripartizione.
Sul fronte opzioni quello che balza agli occhi è la chiusura di tantissimi contratti call in area 23500 e 25000 e molti contratti put in area 22500 - 21500 su Giugno e Settembre. Di contro su Luglio si assiste ad un importante ingresso di 1000 contratti put su strike 22000.
E' palese che è un mercato che ha il suo punto swing a 22500 e solo se i prezzi arriveranno a quei livelli comprenderemo se partirà un trend diretto in area 21/21500 dove ci sono circa il 70% di put a mercato oppure rientrerà nel trading range intorno tra 22750 e 23500.
Non riuscendo ad inserire le immagini andate a vederle qua: https://swindletrading.weebly.com/anali ... /25-maggio
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » sab mag 26, 2018 9:44 am

25 MAGGIO
Le immagini le trovate qui: https://swindletrading.weebly.com/anali ... /26-maggio

La giornata del 25 maggio è stata caratterizzata da un bel movimento direzionale con un importante picco di volatilità. In chiusura i prezzi hanno perso più del 2% andando a toccare un minimo importante a 21985 in un classico spike da panic selling.
D'altronde con gli importanti numeri di open interest che ha prodotto il mercato negli ultimi 15/20 giorni, come abbiamo più volte sottolineato, c'era da aspettarselo.
Ma veniamo ad analizzare come si sono comportati gli operatori.
Sul fronte future c'è da segnalare un importante livello di volumi, 54974, che hanno prodotto una sensibile diminuzione di open interest del future, portandolo a quota 68217.
Dai massimi di prezzo, 24180 fatti 15 giorni fa, che coincidevano con i massimi di open interest con 80663 contratti a mercato e che servivano per coprire la immensa quantità di call che erano diventate itm, gli operatori hanno pian piano smontato la posizione chiudendo ben più di 12000 contratti poichè i prezzi erano rientrati all'interno della curva di indifferenza rappresentata dal +/- 40% della funzione di ripartizione.
Attualmente,a 22285 punti future, ci troviamo sul lato put della ripartizione, ovvero il lato sinistro, In questa area ci sono almeno il 45% di put che sono diventate Itm, mi aspetto quindi una reazione degli operatori che, dovranno entrare in protezione con i futures, rollare le posizioni di strike e scadenza e contemporaneamente seguire il trend con nuovi ingressi di Call dietro i prezzi.
Se verranno soddisfatte queste condizioni è molto probabile che i prezzi possano tentare un affondo in area 21000 dove le put Itm saranno circa il 70%


Vediamo comunque cosa è stato movimentato sulle tre scadenza Giugno, Luglio e Settembre.
Su Giugno si assiste alla chiusura di 582 contratti put a strike 21000 e all'apertura di 982 put su strike 22500 e 536 call su strike 23000.
Su Luglio salta all'occhio la importante chiusura di più di mille posizioni put a strike 22000.
Su Settembre, al contrario, sono stati aperti più di 4000 contratti put su strike 22000 e 20000.
La funzione di ripartizione su Giugno ci fa vedere che gli operatori sono riusciti nel corso della settimana ad abbassare dal 30% al 23% il livello di opzioni itn sul crossover put e call e di conseguenza portare lo strike 22500 al 43% e 22000 al 53%.
Il cumulato totale della scadenza Giugno ci riporta una figura simile ad un grande straddle con il verti a 22500/23000 dove si trovano 12918 put e 9763 call.
Per la settimana prossima mi aspetto comunque un aumento di volatilità con range di prezzo importanti, lo spartiacque sarà lo strike 22000 che potrà far partire un movimenti di almeno mille punti, o al rialzo o al ribasso, le cui condizioni sono state spiegate sopra
25maggio.JPG
25maggio.JPG (113.88 KiB) Visto 1534 volte
25ripartizione.JPG
25ripartizione.JPG (59.61 KiB) Visto 1534 volte
https://swindletrading.weebly.com/anali ... /26-maggio
totali giugno.JPG
totali giugno.JPG (68.05 KiB) Visto 1534 volte
25chart.JPG
25chart.JPG (249.42 KiB) Visto 1534 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » sab mag 26, 2018 11:46 am

Aggiornamento Operativo.

Operativamente, senza uso di indicatori, cicli, gann e quant'altro ma soltanto seguendo i flussi di denaro, volumi ed open interest, questo è il quadro della movimentazione del portafoglio ad oggi sulla strategia giugno aperta solo in acquisto utilizzando un plafond di spesa di poco più di 2000 euro ed iniziata quando i prezzi hanno battuto sul primo livello sensibile a 23095 e modificata successivamente a 24035.
Ieri ho provveduto a chiudere due put 22000, nei giorni passati, facendo qualche errore, ma non troppo, ho chiuso 4 call 24500 e 2 put 22500 movimentando contemporaneamente alcuni minifib che ricordo che hanno valore di +/-0,4 di delta vs 1 opzione.
Di seguito le operazioni chiuse e il portafoglio che attualmente è costituito da 3 long put 21500, 2 long call 24000 e 4 long call 25000. Al momento il pay off è completamente sopra lo zero, vedremo nei prossimi giorni di sfruttare altri movimenti per chiudere decorosamente anche questa scadenza.
strategia.JPG
strategia.JPG (178.67 KiB) Visto 1532 volte
Qui il pay off https://swindletrading.weebly.com/anali ... ivo4338210
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: ANALISI OPERATIVA

Messaggio da BrunoN » lun mag 28, 2018 5:05 pm

Aggiornamento operativo.
Oggi, non riuscendo a stare fermo, ho chiuso tutta la parte put della strategia portando tutto ampiamente sopra lo zero.
Sono uscito in vendita di 3 put 21500 al prezzo di 400 incassando un .gain di 1155.
Al momento la posizione rimasta a mercato è composta da due long call 24000 e quattro long call 25000, tutte su scadenza giugno.
Le lascerò scadere facendoci operazioni short intraday con il future perchè ormai il loro lavoro lo hanno ampiamente svolto.
Sotto il pay off e le operazioni a mercato.
payoff.JPG
payoff.JPG (328.67 KiB) Visto 1506 volte
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Rispondi