Analisi daily dal 1 al 5 ottobre

Analisi tecnica sullo S&P500
Rispondi
claudiac
Autore
Autore
Messaggi: 71
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Analisi daily dal 1 al 5 ottobre

Messaggio da claudiac » mar ott 02, 2018 9:35 am

S&P 500 pronto a rivedere i record

L’S&P 500 cerca il rimbalzo dopo la pausa della settimana precedente, ma senza molta convinzione. L’indice americano si è spinto lunedì fino a un massimo a quota 2937 salvo poi tornare sui propri passi terminando la seduta a 2924,59, poco sotto il livello di apertura. La candela giornaliera disegnata sul grafico è un “doji”, un elemento che testimonia una sostanziale equivalenza delle forze in campo tra compratori e venditori e che necessiterà di conferme nelle prossime sedute per rivelare quale delle due forze in atto sarà in grado di prevalere. Oltre 2940 via libera verso target ipotizzabili a 2950 punti e più in alto a 3000 punti circa. Discese sotto i 2900 punti metterebbero invece a repentaglio la struttura spiccatamente rialzista di breve termine, anticipando approfondimenti verso area 2860/2864 con il rischio di estensione della correzione fino ad area 2850. Si tratta di un riferimento critico nel medio termine, pari al 38,2% di ritracciamento del segmento rialzista partito a fine giugno, chiamato a scongiurare il ritorno sui minimi di agosto in area 2800.

Sp500_02102018.png
Sp500_02102018.png (12.59 KiB) Visto 607 volte

claudiac
Autore
Autore
Messaggi: 71
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Analisi daily dal 1 al 5 ottobre

Messaggio da claudiac » ven ott 05, 2018 12:08 am

Analisi del 4 ottobre

Seduta in deciso ribasso giovedì per l’S&P500, in calo dello 0,82% a quota 2901,61. L’impennata dei rendimenti obbligazionari negli States ha fatto scattare le vendite sull’indice americano che ha archiviato la giornata peggiore da fine luglio. Dopo aver violato la linea disegnata dai minimi di fine giugno passante a 2905 circa, praticamente coincidente con la media mobile esponenziale a 20 giorni, i prezzi sono scesi al di sotto di un altro importante supporto. La violazione dei minimi del 26 settembre a 2903 ha infatti determinato il completamento di un doppio massimo disegnato tra il 21 settembre e il 3 ottobre a ridosso dei record assoluti, una figura ribassista che proietta i suoi obiettivi a 2864 circa, sui minimi di settembre. Discese fino a questo riferimento, per quanto significative, non modificherebbero la struttura di fondo saldamente orientata al rialzo. Solo il cedimento di area 2850, quota pari al 61,8% di ritracciamento del rialzo partito ad agosto ma anche quota pari al 38,2% di retracement di tutta l’ascesa avviata a fine giugno, metterebbe in difficoltà l’attuale scenario grafico, prospettando la realizzazione di una fase decrescente destinata con buona probabilità a proseguire fino almeno a 2800 circa, sui minimi di agosto. Il doppio massimo verrebbe invece negato al superamento dei 2940 punti, circostanza che aprirebbe nuovi spazi di crescita verso obiettivi a 2950 e 3000 punti.
Sp500_05102018.png
Sp500_05102018.png (10.1 KiB) Visto 604 volte

Rispondi