Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

chiacchiere in liberta'
Avatar utente
Seboz
Elite
Elite
Messaggi: 45
Iscritto il: mer apr 04, 2018 9:51 am

Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Seboz » gio apr 12, 2018 9:34 am

Ciao a tutti,
vorrei iniziare una riflessione che è iniziata dentro di me da quando mi sono avvicinato al mondo del trading in opzioni:

nasco come investitore di lungo periodo per cui i criteri di fondo della mia operatività finora sono stati:
- orizzonte di investimento > 10 anni
- poche operazioni e bassi costi di gestione
- asset allocation diversificata e basata su capitalizzazione di mercato
- poca liquidità
- comprensione di me stesso più che dell'andamento dei mercati
- ridotto tempo da dedicare alla gestione degli investimenti

che tradotto in strumenti significa un portafoglio di etf molto diversificato.

Ora che la mia operatività si sta evolvendo mi viene spontaneo interrogarmi su come cambierà il mio approccio agli investimenti.
Va da sé che il trading richiede tempo, impegno, motivazione e capitali...e fin qui ci siamo...mi piacerebbe però riflettere sull'impostazione complessiva di lungo periodo.

Facendo 100 il patrimonio disponibile un sano principio di money management richiederebbe di dedicare al trading il 20% e di lasciare investita la restante parte del portafoglio.
Sempre secondo i principi del mm intelligente la quota del 20% dovrebbe comprendere i margini necessari per la mia operatività.
E' ovvio che questa impostazione può andare bene se riesco a raggiungere il mio obiettivo di trader.
Ipotizziamo per un momento di raggiungere l'obiettivo e di essere trader soddisfatti.
Il nostro lato investitore come è messo ?
Come obiettivi direi che abbiamo:
- proteggere il capitale investito
- accrescere il capitale
- contenere lo stress (che lasceremo probabilmente al trading)
Con l'impostazione 20 trading-80 investimento direi che il primo e l'ultimo obiettivo sono raggiunti mentre il secondo non è forse massimizzato.
Potremmo a questo punto valutare di avere una maggiore liquidità da dedicare ai margini della nostra operatività in opzioni, aumentando probabilmente lo stress e (mi chiedo se possiamo veramente esserne certi !) anche il capitale, pur proteggendolo.

Insomma la sostanza di tutte queste pippe mentali è:
come quanto e perché il trading in opzioni potrebbe/dovrebbe modificare il nostro profilo di investitori ?

Spero di non essere l'unico a giocare coi castelli in aria ! :mrgreen:

Buona giornata ;)

Andrea
Admin
Admin
Messaggi: 31
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:40 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Andrea » gio apr 12, 2018 10:55 am

Secondo me con le Opzioni possiamo ottenere entrambe le cose: sia fare "investimenti" con un orizzontale temporale medio lungo che fare Trading per avere nel breve un valore aggiunto maggiore correndo ovviamente un rischio più elevato.

Quando si fanno investimenti chiamiamoli "tradizionali", si cerca di destinare le proprie risorse a diversi strumenti finanziari, ETF, Fondi comuni, Azioni, obbligazioni, ecc.... si cerca di diversificare il più possibile e poi si resta in attesa dei risultati che il mercato vorrà gentilmente concederci. Possiamo poi effetture degli "switch" periodici, dei ribilanciamenti, ma alla fine siamo sempre "passivi" rispetto al mercato stesso.

Con le Opzioni invece possiamo fare 2 cose, usare la parte destinata al Trading con Operazioni magari più brevi e più speculative, dove per forza di cose il Trader deve avere una frequenza operativa maggiore, e usare la parte di Denaro destinata all' investimento di medio/lungo periodo facendo strategie con scadenza temporale più lunga e "tranquilla" dove gli interventi possono essere fatti con una cadenza molto più limitata e distante nel tempo..

Avatar utente
BrunoN
Autore
Autore
Messaggi: 141
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:41 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da BrunoN » gio apr 12, 2018 11:17 am

Seboz ha scritto:
gio apr 12, 2018 9:34 am

Facendo 100 il patrimonio disponibile un sano principio di money management richiederebbe di dedicare al trading il 20% e di lasciare investita la restante parte del portafoglio.
Sempre secondo i principi del mm intelligente la quota del 20% dovrebbe comprendere i margini necessari per la mia operatività.

Come obiettivi direi che abbiamo:
- proteggere il capitale investito
- accrescere il capitale
- contenere lo stress (che lasceremo probabilmente al trading)
Con l'impostazione 20 trading-80 investimento direi che il primo e l'ultimo obiettivo sono raggiunti mentre il secondo non è forse massimizzato.
Mi permetto di dirti che il rapporto 20trading e 80investimento dovresti poi suddividerlo ancora perchè non puoi permetterti di UTILIZZARE tutto il 20trading per l'operativilità in derivati.
Se tu hai 20 da destinare in derivati dovresti utilizzarne più o meno 1/4 per la normale operatività lasciando gli altri 3/4 per le operazioni "straordinarie" e ti assicuro che di situazioni straordinarie ne capitano veramente tante, a prescindere dall'andamento dei mercati.
Chi vola vale, chi vale vola, chi non vola è un vile.

Livio
Admin
Admin
Messaggi: 94
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:40 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Livio » gio apr 12, 2018 11:28 am

Io come "investitore" ho investito in immobili perchè nel tempo (a parte gli ultimi anni) hanno sempre avuto una rivalutazione non fosse altro per l'inflazione, mentre come trader non riesco a fare strategie a lungo termine, al massimo 9 mesi e solo in derivati

Avatar utente
Seboz
Elite
Elite
Messaggi: 45
Iscritto il: mer apr 04, 2018 9:51 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Seboz » gio apr 12, 2018 11:56 am

Andrea ha scritto:
gio apr 12, 2018 10:55 am
Secondo me con le Opzioni possiamo ottenere entrambe le cose: sia fare "investimenti" con un orizzontale temporale medio lungo che fare Trading per avere nel breve un valore aggiunto maggiore correndo ovviamente un rischio più elevato.

Quando si fanno investimenti chiamiamoli "tradizionali", si cerca di destinare le proprie risorse a diversi strumenti finanziari, ETF, Fondi comuni, Azioni, obbligazioni, ecc.... si cerca di diversificare il più possibile e poi si resta in attesa dei risultati che il mercato vorrà gentilmente concederci. Possiamo poi effetture degli "switch" periodici, dei ribilanciamenti, ma alla fine siamo sempre "passivi" rispetto al mercato stesso.

Con le Opzioni invece possiamo fare 2 cose, usare la parte destinata al Trading con Operazioni magari più brevi e più speculative, dove per forza di cose il Trader deve avere una frequenza operativa maggiore, e usare la parte di Denaro destinata all' investimento di medio/lungo periodo facendo strategie con scadenza temporale più lunga e "tranquilla" dove gli interventi possono essere fatti con una cadenza molto più limitata e distante nel tempo..
Ciao Andrea,
potresti farmi alcuni esempi di operatività più lunga e tranquilla così che possa rendermi conto meglio ?
intendi, immagino, uso delle leaps.

Avatar utente
Seboz
Elite
Elite
Messaggi: 45
Iscritto il: mer apr 04, 2018 9:51 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Seboz » gio apr 12, 2018 11:59 am

BrunoN ha scritto:
gio apr 12, 2018 11:17 am


Mi permetto di dirti che il rapporto 20trading e 80investimento dovresti poi suddividerlo ancora perchè non puoi permetterti di UTILIZZARE tutto il 20 per l'operatività in derivati.
Se tu hai 20 da destinare in derivati dovresti utilizzarne più o meno 1/4 per la normale operatività lasciando gli altri 3/4 per le operazioni "straordinarie" e ti assicuro che di situazioni straordinarie ne capitano veramente tante, a prescindere dall'andamento dei mercati.
Ciao Bruno,
fai benissimo a permetterti ! :lol:

giusto per capire:
intendi situazioni straordinarie legate ai derivati o ad altri strumenti ?
nel primo caso, puoi farmi esempi ?
nel secondo, sarebbe interessante riflettere sui vari profili di trader (mono/multi strumenti).

Avatar utente
Seboz
Elite
Elite
Messaggi: 45
Iscritto il: mer apr 04, 2018 9:51 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Seboz » gio apr 12, 2018 12:01 pm

Livio ha scritto:
gio apr 12, 2018 11:28 am
Io come "investitore" ho investito in immobili perchè nel tempo (a parte gli ultimi anni) hanno sempre avuto una rivalutazione non fosse altro per l'inflazione, mentre come trader non riesco a fare strategie a lungo termine, al massimo 9 mesi e solo in derivati
Ciao Livio,
purtroppo in famiglia abbiamo avuto brutte esperienze con gli immobili e se aggiungo l'instabilità di questo balordo paese e il fatto che mi piace avere "immediata" disponibilità dei miei soldi l'immobiliare non mi risuona molto, ma magari torno sui miei passi dopo essermi confrontato con te :mrgreen:

Andrea
Admin
Admin
Messaggi: 31
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:40 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Andrea » gio apr 12, 2018 4:17 pm

Seboz ha scritto:
gio apr 12, 2018 11:56 am

Ciao Andrea,
potresti farmi alcuni esempi di operatività più lunga e tranquilla così che possa rendermi conto meglio ?
intendi, immagino, uso delle leaps.
ecco un esempio di una strategia che io considero investimento!
Allegati
Giò Condor.jpg
Giò Condor.jpg (375.09 KiB) Visto 1672 volte

Livio
Admin
Admin
Messaggi: 94
Iscritto il: lun mar 26, 2018 9:40 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Livio » sab apr 14, 2018 1:50 pm

@seboz Ai prezzi attuali penso che l'immobiliare sia tornato ad essere il re degli investimenti, ovviamente parlo delle mie zone, attualmente la resa % di in immobile è superiore al 5% senza considerare la rivalutazione certa nel lungo periodo.
Ovviamente è un investimento non facile da smobilizzare, però una parte del patrimonio secondo me dovrebbe essere allocato in quel settore.

@Andrea quello è trading non può essere considerato investimento :)

Avatar utente
Seboz
Elite
Elite
Messaggi: 45
Iscritto il: mer apr 04, 2018 9:51 am

Re: Investitore e trader..come farli convivere serenamente e proficuamente ?

Messaggio da Seboz » sab apr 14, 2018 9:34 pm

Andrea ha scritto:
gio apr 12, 2018 4:17 pm
Seboz ha scritto:
gio apr 12, 2018 11:56 am

Ciao Andrea,
potresti farmi alcuni esempi di operatività più lunga e tranquilla così che possa rendermi conto meglio ?
intendi, immagino, uso delle leaps.
ecco un esempio di una strategia che io considero investimento!
Andrea fino a quando non farò l'option school dovresti essere clemente con me e spiegarmi le cose come si fa coi bimbi :mrgreen: :lol:

Finora sono stato abituato ad intendere l'investimento di lungo termine come una strategia che ti permette di stare sempre a mercato e che si replica per lunghi periodi.
Se però mantenendo il livello di rischio riesco ad aumentare il rendimento o ancora meglio se il rischio si riduce sono ben disposto a rimettere in discussione la mia visione per arricchirla.

Avrei bisogno però oltre che di un livello informativo teorico (quindi cosa è l'operazione messa sopra e cos'altro di simile ci potrebbe essere) anche di un livello più pratico rispetto alla riflessione generale di quale potrebbe essere un buon equilibrio di operatività.

Rispondi